museo gucci cena firenze 468x312 Cena di gala per il Museo Gucci a Firenze

Si è aperto con un una lussuosa cena il museo di Gucci allestito nel Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio a Firenze.

L’evento si è tenuto il 26 settembre alla presenza di 250 ospiti internazionali, come Camilla Belle, Max Irons (figlio di Jeremy Irons), Li Bing Bing, Luca Argentero, Carolina Crescentini e Violante Placido, ma anche il direttore di Vogue America Anna Wintour, Suzy Menkes dell’Herald Tribune e Stefano Tonchi, direttore di W. Ad accogliere gli ospiti Frida Giannini e Patrizio Di Marco, Presidente di Gucci, e Francois Henry Pinault, presidente e amministratore delegato PPR.

museo gucci firenze palazzo vecchio 468x312 Cena di gala per il Museo Gucci a Firenze

Il Museo si sviluppa su una superficie di 1.715 mq disposti su tre piani, con sale a tema. Al piano terra la sala ‘Viaggio‘, con i primi bauli, beauty e valigie creati per il jet-set internazionale negli anni ‘50,’60 e ‘70. Nel Museo anche pezzi degli anni Trenta, come la valigia con fantasia a zebra e quella con il tessuto diamante (il primo pattern creato, precedente anche a quello della doppia G), modelli con le stampe Rinascimento e Leonardo (riproposte da Frida Giannini in collezioni speciali), ma anche una serie di immagini di personaggi celebri con le valigie Gucci, tra cui Grace Kelly e Audrey Hepburn, e infine la Cadillac Seville disegnata nel 1979.

3102 468x305 Cena di gala per il Museo Gucci a Firenze483 468x312 Cena di gala per il Museo Gucci a Firenze

Al primo piano è stato collocato il ‘Mondo Flora‘, dedicato al celebre motivo disegnato nel 1966 dall’illustratore Vittorio Accornero su richiesta di Rodolfo Gucci, che doveva creare un foulard per la principessa Grace di Monaco (nel 2005 Frida Giannini lo ha riproposto su borse e accessori).

574 468x312 Cena di gala per il Museo Gucci a Firenze658 468x312 Cena di gala per il Museo Gucci a Firenze752 468x312 Cena di gala per il Museo Gucci a Firenze845 468x312 Cena di gala per il Museo Gucci a Firenze

Nella sala della ‘Borsetteria‘ i modelli storici divenuti un cult, come quelli con la stampa Leonardo (anni ‘60), il modello Bouvier e quello da caccia. Nella sala ‘Sera‘ gli abiti creati per star internazionali come Ilary Swank, Camilla Belle, Naomi Watts, Lea Seydoux e Kate Beckinsale, e quella dedicata ai ‘Preziosi’ con borsette e gioielli. Nella vicina ‘Logomania‘ viene ripercorsa l’evoluzione del monogramma della doppia G nato negli anni ‘60. Le ultime due sale sono dedicate al ‘Lifestyle‘, con creazioni per il tempo libero come il cesto da pic-nic e la chitarra elettrica, e allo ‘Sport‘, dove sono esposte anche due tavole da surf, la bici creata nel 2005 e la linea da equitazione disegnata per Charlotte Casiraghi.

Via: Ansa