lady gaga galimberti Maurizio Galimberti e Lady Gaga per Polaroid

Maurizio Galimberti nasce a Como nel 1956 e cresce a Meda. Studia da geometra, ma fin da ragazzo vince numerosi concorsi fotografici. Comicia con la classica pellicola analogica lavorando molto con una fotocamera ad obbiettivo rotante widelux in bianco e nero e in diapo/cibachrome, poi nel 1983 inizia la sua passione-ossessione per la Polaroid.

“La sceglie - si legge sul sito ufficiale - per il semplice motivo che non sopportava l’attesa dello sviluppo per vedere il risultato del suo scatto e anche per una eterna paura del buio della camera oscura. Si accorge inoltre che la resa dei colori con la pellicola istantanea è semplicemente magica ed inizia un lungo percorso fino ad oggi di ricerca e di sperimentazione nell’uso di questo media”.

galimberti polaroid lady gaga 468x354 Maurizio Galimberti e Lady Gaga per Polaroid

Nel 1991 inizia la collaborazione con Polaroid Italia della quale diventa ben presto il testimonial ufficiale e che ha come risultato il volume POLAROID PRO ART pubblicato nel 1995, vero oggetto di culto per gli appassionati di pellicola polaroid di tipo integrale.

lady gaga polaroid galimberti Maurizio Galimberti e Lady Gaga per Polaroid

Con il tempo diventa famoso per i suoi ritratti a mosaico, tanto che il suo ritratto di Johnny Depp sarà la copertina del Times Magazine inglese del 27 settembre 1993.

johnny depp polaroid Maurizio Galimberti e Lady Gaga per Polaroid

Ora inizia la sua collaborazione, presentare le novità Polaroid, con Lady Gaga, nominata direttore creativo di una nuova linea di prodotto. In un’itervista al Sole 24 Ore, Galimberti dice della regina del pop: “Lady Gaga è davvero un personaggio particolare, una ragazza minuta che sprigiona una grande energia, si sente la sua presenza dentro una stanza, e non solo per via del suo look estremo. E’ brillante, sa il fatto suo”.

monica bellucci galimberti Maurizio Galimberti e Lady Gaga per Polaroid

All’evento Polaroid tenutosi a Las Vegas è stato mostrato un mosaico di Polaroid di Lady Gaga: “Avevamo fatto quegli scatti poco prima nella sua suite al trentesimo piano dell’Hotel Hilton, una stanza pazzesca, con un bagno grande come una piazza, avrebbe potuto ospitare venti persone. Abbiamo oscurato le grandi finestre con delle tende e abbiamo scattato. Giovanni Tommaselli, direttore artistico della casa fotografica, le teneva spostato il grande cappello fatto (forse) coi suoi capelli, e io ho potuto ritrarla. Con i miei soggetti devo stabilire un contatto ravvicinato, gli appoggio letteralmente la macchina fotografica sul volto. All’inizio sono un po’ spiazzati, ma poi restano coinvolti. Ho visto la Gaga maneggiare le Polaroid scattate in quel momento con una certa professionalità, si vedeva che l’aveva fatto molte volte, è una vera appassionata, penso che farà delle buone cose come direttore creativo, non è un’operazione solo di comunicazione per ravvivare un vecchio marchio e avvicinarlo ai giovani teenager americani”.

benicio del toro galimberti 468x295 Maurizio Galimberti e Lady Gaga per Polaroid

Galimberti presenterà a New York e a Los Angeles nel mese di Aprile una mostra personale nei grandi showroom del marchio d’arredamento Poliform: “Trovo molto interessante avvicinare all’arte della fotografia anche un pubblico che non va nei musei. Inoltre questi negozi hanno degli spazi persino più belli di una galleria d’arte.”

stefano accorsi galimberti 468x409 Maurizio Galimberti e Lady Gaga per Polaroid